Una finale che vale una vittoria

1435613721943

Altra finale, senza vittoria né premi. Al The Reign Of Horror Short Movie Award 2015, storico festival horror online per cortometraggi indipendenti creato da Alex Visani (noto regista underground), come l’anno precedente, in quel caso Miracolo Veneto, il nostro The Night Of The Houngan approda alla finale, ma non vince né si aggiudica alcun premio. Merito e onore ai vincitori. Sinceramente, l’iscrizione a questo festival per un corto tanto particolare, per non dire atipico, è stata una vera e propria sfida a cui, debbo dire, la risposta da parte dei giurati è stata più che positiva, comprendendone gli intenti artistico – comunicativo – espressivi e riconoscendone la validità oggettiva: regia – fotografia – scenografia – suoni e musiche. ‘La notte dello stregone bianco’ ha, in sintesi, spiazzato e incantato alcontempo e non potevamo sperare di meglio. Per chi volesse informarsi circa i giudizi della giuria su The Night Of The Houngan ecco il link: http://freeforumzone.leonardo.it/x/d/11073455/THE-NIGHT-OF-THE-HOUNGAN-di-Raffaele-Pastrello-/discussione.aspx Per quanto riguarda i vincitori: http://freeforumzone.leonardo.it/x/d/11168900/I-VINCITORI-DEL-FESTIVAL/discussione.aspx

 1435613723249

Inoltre, The Night Of The Houngan per motivi tecnici: l’errata trascrizione dei sub in inglese, svista di cui mi prendo la totale responsabilità e ringrazio uno dei giurati  – può capitare, siamo umani:) a cui abbiamo da breve rimediato, molto probabilmente abbandonerà la piattaforma You Tube per approdare a Vimeo. Anche per continuare il percorso nei vari festivals. Foto presenti nell’articolo by Raffaele Pastrello  – all rights reserved 2015 (Inquisizione al museo Grévin) -.

Annunci

La Notte Dello Stregone Bianco incanta Livorno

Locandina2

The Night Of The Houngan vince al FI PI LI Horror Festival 2015 di Livorno nella categoria ‘fake trailer’.

Il nuovo corto dell’Oscena Suerte incanta letteralmente la giuria presieduta dal maestro del cinema italiano Ruggero Deodato e che vede tra i suoi membri i Manetti Bros nella persona di Antonio Manetti, il critico – regista Federico Frusciante, il critico cinematografico Filippo Mazzarella e la giornalista Valentina D’Amico.

11180324_758997037547976_1346623495035056205_n Da sinstra: Alessio Porquier (ideatore – conduttore della kermesse), Giovanni Saponaro (regista – autore del video promozionale del FI PI LI), Valentina D’Amico, Ruggero Deodato, Federico Frusciante, Antonio Manetti (Manetti Bros), Ciro Di Dato (organizzatore della kermesse).

Foto Uni Info News Livorno.

The Night Of The Houngan va dritto al segno. Viene riconosciuto e fortemente premiato quale cortometraggio, perché di vero e proprio corto si tratta, originale, angosciante, bello, compiuto e della durata ideale di soli cinque minuti titoli di coda compresi. Parole espresse dagli stessi giurati in via confidenziale dopo la premiazione e che mi hanno non poco inorgoglito ed emozionato.

11218796_700128470099210_8863843729179140673_n Premiazione di The Night Of The Houngan.

Foto Uni Info news Livorno.

Naturalmente ciò è stato possibile grazie al valore e all’impegno dell’intera crew:
Cristian Ferraro per la fotografia, Paolo Lippo per le musiche originali, Gabriele Menegaldo per le riprese, Federico Lazzarini per la post produzione audio, Andrea Genovese per la scenografia e gli effetti.
Non ultimi gli attori: William José Rodriguez Chirinos, un volto che vale il biglietto, lo stesso Andrea Genovese e la fugace apparizione di Carla Shalimar Consejo Vela.

10689781_589811577797567_8029572752901998588_n Comparto artistico – tecnico; da sinistra: Cristian Ferraro (fotografia), Gabriele Megaldo (operatore di camera), Paolo Lippo (musiche originali).

Ringrazio gli organizzatori di questo fantastico e ormai imprenscindibile festival nelle persone di Alessio Porquier e consorte, sempre splendidi e gentilissimi e Ciro Di Dato del quale quest’anno ho avuto modo di apprezzare ulteriormente la caratura umana e la professionalità. La giuria tutta, Federico Frusciante pure da non giurato così come Ruggero Deodato e Antonio Manetti e alcuni valenti registi con cui ho passato delle piacevolissime giornate, quali i veneti: Nicola Pattaro Pegg e Daniele Piombo, il romano Francesco Niccolai con la costumista Carolina Paterni e il toscano Federico Tadolini.

Un ringraziamento sentito anche a Salvatore Vitale e famiglia.

                   Raffaele Pastrello